Allenamento per la Mountain Bike

mountainbike

L’allenamento per la Mountain Bike è un argomento che interessa tutti i ciclisti che nel corso dell’anno partecipano a gare o eventi ufficiali, ma non solo; infatti, un costante allenamento non è fondamentale solo per chi gareggia. La Mountain Bike è uno sport molto duro ed essere preparati significa migliorare notevolmente l’esperienza vissuta; questo vale anche per coloro che non partecipano alle competizioni. Consigliamo a tutti, quindi, di leggere attentamente le prossime righe e prendere spunto per le proprie sessioni di allenamento.

Allenare le gambe per la Mountain Bike

Il periodo più importante per la preparazione dei muscoli delle gambe è Gennaio e Febbraio, due mesi in cui generalmente non ci sono gare a cui partecipare. È un momento fondamentale perché si andrà a lavorare duramente sui muscoli delle gambe.  Il tipo di allenamento che dovrete affrontare sarà di tipo aerobico. Il ciclista, infatti, deve essere in grado di sopportare uno sforzo continuo ma non a livelli massimi. In altre parole i movimenti richiesti non richiedono necessariamente uno sforzo eccessivo, ma sono prolungati nel tempo.  Il concetto appena descritto è importantissimo in quanto, ignorandolo, si rischia di sviluppare troppo le fibre muscolari della gamba, portando a un non voluto aumento di peso.

Esercizi per la Mountain Bike

La prima fase di un buon allenamento è senza dubbio il riscaldamento. Iniziate sdraiandovi per terra e rilassate i muscoli dei piedi e delle gambe con movimenti lenti e circolari. Terminato ciò, affrontate una quindicina di minuti di bici, tenendo un ritmo basso giusto per preparare il muscolo. Una volta scesi dalla bici potete passare al potenziamento muscolare. Lo strumento da utilizzare sarà la cosiddetta “Pressa per le gambe”. Seduti su un seggiolino, dovrete spingere una piastra verticale. Per iniziare bastano 30 spinte al minuto ripetuto per 10 volte. Tra una ripetizione è l’altra fate una sessione di SFR (Salite – Forza – Resistenza), che serve per affrontare salite con rapporti lunghi, rimanendo seduti in sella. A seconda della durata, allenerete la resistenza latticida (ripetizioni brevi), la forza e la resistenza all’acido lattico (ripetizioni medie) e la forza specifica (ripetizioni lunghe).

In ultimo non dobbiamo mai dimenticarci di due fattori fondamentali. Il primo è la frequenza cardiaca, che deve essere sempre monitorata. Il secondo è lo stretching: alla fine di ogni allenamento, dedicate 10-20 minuti per allungare i muscoli; in questo modo le renderete più elastiche e resistenti.